Ricominciare da noi: nasce in costiera l’Associazione Guide Turistiche Costa d’Amalfi

Se da un lato il distanziamento sociale causato dalla pandemia ci ha costretto ad abbracciare e a convivere con un fragile isolamento fisico ed emotivo, dall’altro ha, come per magia, portato chiarezza su ciò che veramente conta nelle nostre vite. Ha rafforzato il nostro coraggio, la volontà di non rinunciare a noi stessi, portando avanti progetti che magari avevamo nel cassetto da molti anni. Ci ha uniti, anche se su piattaforme virtuali, per supportaci l’uno l’altro e trovare delle soluzioni creative per continuare a sviluppare nuove idee in nome di un unico obiettivo condiviso: reinventarsi espandendo i propri orizzonti.

Una nuova scommessa

Con questa intenzione in Costiera Amalfitana è nata l’Associazione Guide Turistiche Costa d’Amalfi. Un progetto che ha cominciato a muovere i primi passi sul territorio la scorsa estate mettendo insieme un gruppo di professionisti, fra cui periti tecnici per il turismo, storici dell’arte, archeologi, laureati in discipline umanistiche ed ingegneristiche, tutti abilitati alla professione di guida turistica. “Avviato durante la pandemia, l’associazione ha riunito 15 professionisti locali sparsi su tutto il territorio della Costa d’Amalfi. La nostra scommessa è puntare sull’amore per la nostra terra di origine e sull’interesse comune per la sua storia, per la sua arte e le sue meraviglie. Tutto ciò si rivelerà sicuramente vincente perché chi ci seguirà sarà più pronto e consapevole nell’apprezzare la nostra stessa passione. Abbiamo tutti bisogno di bellezza come rimedio ai guasti provocati da questo cortocircuito da virus. Entusiasmo, preparazione ed originalità saranno le nostre armi,“ ci racconta Michele Amendola, guida turistica e Presidente dell’associazione. 

Esperienza prima di tutto

La ricchezza del territorio della Costa d’Amalfi e della regione Campania va vissuta e sentita in tutta la sua pienezza. Il lavoro dell’Associazione Guide Turistiche Costa d’Amalfi si colloca all’interno del sempre più ricercato turismo esperenziale, un trend che cattura l’interesse di viaggiatori di ogni età che richiedono un approccio più intimo alla destinazione scelta.  Il menu di proposte che verrà messo in tavola includerà una serie di attività che hanno lo scopo di far divertire i partecipanti, ma soprattutto di mostrare loro il lato più vero del territorio. Darà la possibilità agli ospiti di toccare con mano l’intensità della cultura amalfitana e campana uscendo dai classici itinerari turistici. “Certo ci saranno le passeggiate per Ravello alla scoperta delle sue meraviglie artistiche, i trekking urbani fra le vie di Positano, i percorsi storici e religiosi fra i vicoli di Amalfi, gite a Capri, ma anche escursioni dove sarà possibile immergersi nella natura incontaminata della nostra costa, godere dall’alto delle sue alture la vista delle sue scogliere a strapiombo sul mare. Inoltre offriremo anche la possibilità di partecipare a visite didattiche in tutta la regione,” continua Amendola. 

All’insegna della personalizzazione e dell’originalità 

Ogni operatore creerà su richiesta itinerari su misura per assicurare agli ospiti un’esperienza autentica quanto più possibile e per soddisfare ogni tipo di esigenza. Il motto dell’associazione è quello di promuovere, sotto ogni forma, lo sviluppo culturale, sociale, ambientale e turistico del territorio, in chiave sostenibile e responsabile.  “Il nostro obiettivo non è solo quello di lavorare esclusivamente con tour operator, agenzie di viaggio o enti specializzate, ma anche con turisti indipendenti che usano i social media fra cui Instagram e Facebook, per pianificare il loro viaggio”.  Oltre ai vari itinerari, l’Associazione organizzerà eventi di formazione e di divulgazione culturale aperti a tutti per favorire una nuova fruizione della Costiera Amalfitana e dell’intera regione.  

Per informazioni: www.amalficoastourguides.com, info@amalficoastourguides.com 

Menu